La Bedda e lu Turcu
La Bedda e lu Turcu
La Bedda e lu Turcu
La Bedda e lu Turcu
La Bedda e lu Turcu
La Bedda e lu Turcu

La Bedda e lu Turcu

beddaeturcu

Manufatti

La Bella e il Turco sono due sospensioni luminose che reinterpretano in maniera innovativa un classico della tradizione artigianale.

  • Sospensioni luminose a LED
  • Ulivo secolare
  • Rifinito a mano
  • Finitura con vernici all'acqua
  • Uso interno
  • Kg. 7 ca. cad.

 

Realizzate in legno d’ulivo secolare, le teste sono il risultato di lavorazioni artigianali tecnologiche: 

  • con l’ausilio di macchinari e modelli digitali si sviluppano gli elementi
  • completati e rifiniti rigorosamente a mano.
  • Le due sospensioni saranno prodotte in limited edition.

Gli iconici vasi della tradizionale leggenda palermitana, vengono reinterpretati come lampade a sospensione.

Sono vere e proprie sculture luminose in legno d’ulivo secolare, realizzate in serie limitata, combinando la tecnologia di una lavorazione a controllo numerico delle componenti con l’abilità artigianale, mediante la quale, dopo l’assemblaggio, sono rifinite a mano con un meticoloso procedimento di incisione e levigatura che rende ogni singolo manufatto un pezzo unico.

La Bedda e lu Turcu, numerati, sono consegnati all'interno di una scatola realizzata in valchromat nero opaco che porta serigrafata sui fianchi una poesia originale del Maestro Gaspare Gentile in siciliano e in italiano.

Il box contenitore può essere utilizzato dopo l’apertura come vaso per crescere le piante, come la leggenda dice che la Bella fece nella testa cava dello sventurato amante.

Dimensione
Altezza 36 cm.
Larghezza 29 cm.

La Bedda e lu Turcu

Quannu veni la bedda stagiuni

c’arrusbigghia l’ariddi e lu suli,

tuttu 'n festa è lu friscu baccuni

di spezzi, di ciuri e girasuli.

Ogni grasta si fa jardinu

e di simenzi d'ogni sorta,

salvia, menta e rusmarinu

la massara ni fa scorta.

‘Ntra li grasti 'nceramicati

faccia a faccia eternamenti,

si talianu l'occhi amati

di n'amuri priputenti.

I du testi di l'amanti

‘ntagghiati ‘nta l'ulivu,

ppi milll'anni ‘ntra risi e chianti

cundannati di li vivi.

E accussì la Bedda e lu Turcu

pi l'amuri svinturati,

dintra nu cippu tuttu stortu

hannu l'armi 'mpriggiunati.

Ma ogn'annu a la bedda stagiuni

quannu cu la luna calanti si simìna,

e lu basilicò nasci ammucciuni

tuttu nasci ca pari matina.

Pigghiunu vita li testi di l'amanti

chini di ciauri ca l'aria 'mbriaca,

parunu abbrazzarisi rirennu fistanti

e d'alligrizza  lu cori s'annaca.

Pari na reggia lu nicu baccuni

d'ogni ricchizza e biddizza assoluta,

finu a la fini di la stagiuni

finisci l'amuri e la vita s'astuta;

e aspittannu arreri l'annu ca veni

d'amuri e spiranza lu cori li teni.

G. Gentile

No reviews
Product added to wishlist

Privacy e cookie: Questo sito utilizza cookie. Continuando a utilizzare questo sito web, si accetta l’utilizzo dei cookie.

Per ulteriori informazioni, anche su controllo dei cookie, leggi qui: Informativa sui cookie